Programma di finanziamento AMIF dell’Ue: che cos’è, cosa riguarda e a che serve

Il programma di finanziamento AMIF dell’Ue corrisponde ad un vero e proprio fondo denominato “Asilo, migrazione e integrazione”, da cui deriva la sigla indicata.

La cifra in questione corrispondeva ad un totale di 3,137 miliardi di euro per il periodo che va dal 2014 al 2020. Per il periodo 2021-2027 invece la somma affidata al fondo è di 10,4 miliardi di euro. Durante il mese di maggio 2020 però è stato proposto di aumentare il budget a 22 miliardi di euro.

Programma di finanziamento AMIF dell’Ue: le caratteristiche del fondo e i suoi scopi

Il programma di finanziamento AMIF dell’Ue sarà valido dal 2021 al 2027 e tra gli obiettivi vi è quello di incentivare la migrazione legale. Oltre a questo però il fondo e il programma mirano a favorire l’integrazione dei cittadini in territori stranieri.

Tra le priorità però vi è anche quella di lottare contro le migrazioni irregolari, nonché quella di garantire all’Ue mezzi migliori per fronteggiare la crisi.

Quello che si desidera ottenere usando il fondo AMIF è un sistema di asilo molto più solido e più efficiente di quello già presente. Tra l’altro verranno anche rafforzati i rimpatri, rendendoli più veloci e frequenti.

Un altro punto di forza del programma e del relativo fondo riguarda i finanziamenti. Si sosterrà infatti la gestione delle migrazioni fornendo agli Stati membri dell’Ue 6,3 miliardi di euro divisi in una parte fissa e una variabile.

La prima sarà di 5 miliardi di euro, mentre la seconda sarà ripartita in base al livello di pressioni migratorie da affrontare, ma non solo. Ulteriori elementi utili per la ripartizione riguardano anche altri elementi. Tra queste, il numero effettivo di beneficiari di asilo riconosciuti, le persone reinsediate, il numero di cittadini che soggiorna nell’Ue in modo legale.

Le altre caratteristiche del programma

Oltre alle caratteristiche indicate, ce ne sono altre che compongono il programma AMIF. L’Ue ha infatti deciso di garantire 4,2 miliardi di euro per sostenere tutti quei Paesi membri che organizzano programmi attinenti al fondo.

Da aggiungere anche il fatto che quest’ultimo collaborerà a stretto contatto anche con altri fondi Ue per garantire una migrazione regolare. In più 900 milioni di euro presentati separatamente rispetto all’AMIF, saranno destinati all’Agenzia dell’Unione europea per l’asilo.

Come si è visto, il fondo per l’Asilo, la migrazione e l’integrazione presenta diversi obiettivi e quello primario è provvedere alla legalità delle migrazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *