Legislazione farmaceutica: l’Ue la vuole rivedere

L’Unione europea mira a rivedere la legislazione farmaceutica generale e per iniziare ha già stabilito di avviare alcune iniziative utili per cambiare la strategia in questo ambito.

Per la precisione, la Commissione europea ha pensato a un obiettivo ben preciso, che mira a chiedere i pareri del pubblico riguardo la legislazione in questione. Per circa un mese infatti sarà possibile valutare quest’ultima e quindi esprimere dei pareri a riguardo. Non terminano qui però le novità stabilite dall’Unione europea per questo ambito così particolare.

 

 

Legislazione farmaceutica: le novità stabilite dall’Ue

 

 

La legislazione farmaceutica generale potrebbe subire delle revisioni e prima di apportarle, l’Unione europea ha stabilito delle importanti novità. Queste riguardano soprattutto dei cambiamenti su determinate strategie. La news principale riguarda la possibilità per il pubblico di esprimere i loro pareri.

Questi dovranno riguardare la cosiddetta “strategia farmaceutica”, che consiste in un importante progetto iniziato già a partire dall’anno precedente. Il suo scopo era quello di rendere il meccanismo dell’intero sistema farmaceutico di tutta Europa molto più accessibile, veloce e migliore.

In più si mira a renderlo anche più adeguato per rispondere a tutte le conseguenze che la pandemia ha apportato. Per far sì che questo accada, l’Unione europea ha scelto quindi di chiedere dei pareri ai portatori di interesse. In questo modo, questi ultimi potranno direttamente votare e l’Ue riceverà dei feedback.

Non terminano qui le caratteristiche e le novità riguardanti la legislazione generale concernente l’ambito farmaceutico.

 

Le altre novità e le caratteristiche principali dell’ambito farmaceutico europeo

 

La strategia adottata l’ambito farmaceutico dovrà mirare anche ad apportare delle correzioni in base alle conseguenze causate dalla pandemia. L’Unione europea quindi mira a migliorare il tutto, basandosi anche sulla valutazione degli errori che si sono commessi durante la crisi pandemica.

Lo scopo primario inoltre è quello di garantire in fredda l’arrivo di medicinali, ma si vuole anche assicurare che questi ultimi siano molto sicuri.

Tutti questi obiettivi corrispondono a novità importanti, perché si vuole migliorare tutti questi aspetti, al fine di garantire un sistema sempre più innovativo e sicuro.

In più altra novità riguarda la ricerca di prezzi più accessibili e nei prossimi mesi, sia questo punto, sia gli altri, saranno sottoposti ad un’attenta valutazione.

Questo permetterà quindi di apportare diversi miglioramenti, in modo che la strategia da adottare nell’ambito farmaceutico sarà più innovativa. Per la precisione, la fase che riguarda la consultazione del pubblico si concentrerà in misura maggiore durante il periodo del secondo semestre dell’anno corrente.

In più sembrerebbe che i possibili cambiamenti della legislazione in questione potrebbero pervenire entro dicembre del 2022. Come si è visto, le novità a riguardo sono molto importanti e si attendono conferme, soprattutto dopo che l’Unione europea riceverà le diverse valutazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *