Finanza digitale Ue: le novità degli ultimi mesi

 

Con l’espressione “finanza digitale Ue” si indicano una serie di misure stabilite dall’Unione europea riguardo il campo economico e finanziario europeo.

Per la precisione il pacchetto finanzia digitale comprende quindi delle iniziative pensate per stimolare il livello di competizione tra gli Stati membri, ma non solo.

Ulteriore obiettivo infatti consiste anche nello sviluppo delle capacità innovative delle varie nazioni.

 

 

Finanza digitale Ue: di che cosa si tratta esattamente e le novità

 

Il pacchetto finanza digitale Ue comprende diverse misure e tra queste sono presenti delle iniziative utili per aumentare il livello di innovazione nel campo economico e finanziario.

In più nell’insieme è anche presente un ampio ventaglio di strategie utili per finanza digitale e per i pagamenti al dettaglio. Oltre a questo proprio negli ultimi mesi l’Unione europea si è anche impegnata sul fronte della cripto-attività.

Da aggiungere a questo poi anche diverse proposte per la cosiddetta “resilienza operativa digitale”. Per capire bene di cosa si tratta esattamente il pacchetto in questione, si può indicare un altro modo con cui si nomina la finanza digitale: la “tecno-finanza”. Si può quindi affermare che si tratta di tutte quelle tecnologie applicate a livello digitale e usate per migliorare tutti i campi della finanza e le sue attività. Questo però non è tutto, anche perché sono presenti altre caratteristiche e altre novità stabilite dall’Unione europea.

 

Le altre caratteristiche del pacchetto in questione e le altre novità recenti

 

I servizi finanziari si sono spostati sempre di più nell’ambito digitale, soprattutto con l’arrivo della pandemia. Proprio per questo, negli ultimi mesi l’Unione europea ha cercato di intensificare i controlli in questo ambito, ma non solo.

Un’altra sua attività infatti riguarda proprio il fatto di voler migliorare in continuazione il campo in questione. Proprio per questo inoltre è di fondamentale importanza sviluppare alcune innovazioni.

Per tali ragioni, negli ultimi mesi l’Unione europea ha offerto sempre più opportunità a diverse imprese e aziende tecnologiche, rendendo loro sempre più accessibile il mercato europeo.

Una delle priorità principali su cui l’Ue si sta concentrando negli ultimi mesi è la transizione digitale, che mette in primo piano anche diversi investimenti per la ripresa.

Oltre a questo, si mirano a realizzare per i cittadini europei delle forme di pagamento sempre più veloci, moderne e anche più pratiche. A questo si aggiunge anche la volontà di tutelare i vari utenti in misure sempre migliori, garantendo inoltre una forte stabilità finanziaria.

Tra le novità degli ultimi mesi però vi è anche l’euro digitale, proposto dalla Banca centrale europea già a ottobre 2020 e su cui però sono stati effettuati importanti passi anche ultimamente.

Si pensa che una moneta digitale del genere potrebbe render più semplici i pagamenti, ma anche contribuire a rafforzare il ruolo internazionale della moneta dell’Ue.

Proprio ultimamente invece, a marzo 2021, il Consiglio europeo ha discusso a proposito dell’adozione di strategie per il mercato di pagamenti al dettaglio.

Anche quest’ultimo potrebbe contribuire a migliorare diverse attività finanziarie dell’Unione europea, nonché l’accessibilità per i pagamenti, per i cittadini europei.

Di conseguenza si può affermare che queste novità riguardanti il pacchetto della finanza digitale dell’Unione europea sono presenti perché si compiono passi sempre più importanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *