Commissione europea

Le priorità della Commissione europea per il 2022 sono tante e tra queste vi sono quelle riguardanti il settore salutare, digitale, il rispetto climatico, ma anche del lavoro. Oltre a queste, ne sono presenti anche altre, come quelle che concernono il rafforzamento della democrazia europea e non solo.

 

 

Le priorità della Commissione europea per il 2022: ecco quali sono

 

 

Le priorità della Commissione europea per il 2022 sono diverse e tra queste vi è il Green Deal, ma anche la volontà di rendere il continente europeo ancora più preparato per le trasformazioni digitali. In più l’Unione europea mira anche a rendere il suo territorio più disponibile per le persone, riuscendo a soddisfare le loro esigenze in misura maggiore.

Analizzando il primo obiettivo citato, si deve specificare che questo si compone di ulteriori altri fini. Tra questi, il fatto che si desidera raggiungere il cosiddetto “impatto climatico zero” entro l’anno 2050. Si mira quindi a ridurre di molto le emissioni di carbonio, in modo che non solo l’aria sarà più salutare, ma così da garantire un rispetto ambientale totale. Tra le tematiche principali del Green Deal vi sono anche quelle riguardanti i pesticidi e il fatto di voler trovare una soluzione più consona per cercare di limitare il loro uso.

Per quanto concerne invece il settore digitale, l’evoluzione in tal campo sarà regolata grazie alle normative del Mercato Unico digitale. Si desidera realizzare leggi che permettano di sfruttare gli strumenti tecnologici, al fine di migliorare diversi ambiti della società. Tra questi, anche quello della comunicazione. In più un altro obiettivo consiste nel voler diffondere il più possibile l’apprendimento delle competenze digitali. Questo sarà effettuato in tutti gli istituti scolastici, sia quelli superiori, sia quelli che comprendono alunni di fasce di età minore.

 

Gli altri obiettivi

 

L’Unione europea nel 2022 desidera concentrarsi anche sul rendere il continente europeo un vero e proprio punto di riferimento nel mondo. Ciò equivale a trovare un tipo di comunicazione più diretta, per riuscire non solo a stimolare gli accordi commerciali ed economici. Oltre a questo, in tal modo si vuole anche ma trovare facilmente punti di incontro su altri temi. In più tra le tematiche principali su cui l’Ue si concentrerà durante il corso di quest’anno vi sarà anche quella relativa ai giovani. Per questa categoria, uno scopo importante è quello di aiutare i ragazzi europei più svantaggiati per cercare di trovare più facilmente un lavoro. A tal fine, l’Ue garantirà sostegno sociale, ma cercherà anche di integrare queste persone nella società, garantendo un certo livello di formazione nel campo lavorativo e di istruzione. Importantissima poi la priorità che riguarda l’ambito della salute. Per questo settore, l’Ue vuole migliorare anche il livello dello screening. In più anche quello delle diagnosi precoci, garantendo il più possibile servizi e medicinali a coloro che ne hanno bisogno. Si aggiunge a tutto ciò anche un’altra importante priorità, che riguarda quella di voler dare una nuova spinta alla democrazia europea. Come si è visto, la lista di tematiche fondamentali a cui l’Unione europea farà riferimento nel corso di quest’anno sono diverse e tutte quante di elevata importanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.