identità digitale

Importanti novità giungono dalla Commissione Europea che ha di recente lanciato uno strumento online attraverso il quale poter raccogliere opinioni sui portafogli europei di identità digitale. Quest’ultimi offriranno la possibilità ai cittadini di identificarsi. Ma non solo, anche di accedere ai servizi online e memorizzare i dati in modo facile e soprattutto all’insegna della massima sicurezza.

Identità  digitale europea: cos’è  e caratteristiche

L’identità digitale europea non è altro che un tipo di identità che tutti i cittadini ed imprese dell’Unione europea possono utilizzare. Si tratta, in pratica, di un sistema totalmente online attraverso il quale poter identificare un individuo e confermarne determinati dati. Tra le caratteristiche più gradite si annovera la possibilità di poterla utilizzare sia per servizi pubblici che privati e in tutto il territorio dell’Unione Europea, sia offline che online. Ma non solo, tra i vantaggi si annovera ovviamente il fatto che si tratta di un’identità che viene riconosciuta sempre in ogni Stato membro e che consente di effettuare controlli il più veloci ed equi possibile.

Commissione lancia piattaforma di consultazione sui portafogli europei di identità digitale

Ebbene, proprio in tale ambito interesserà sapere che in base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, in data 24 febbraio 2022 è stata varata una piattaforma online. Quest’ultima al fine di raccogliere le osservazioni delle parti interessate in merito ai futuri portafogli europei di identità digitale. Entrando nei dettagli ricordiamo che il 3 giugno 2021 la Commissione ha proposto un’identità digitale affidabile e sicura per tutti gli europei. Quest’ultima comprendente portafogli di identità digitale.

I portafogli digitali personali offriranno la possibilità ai cittadini di identificarsi digitalmente. Ma non solo, anche di archiviare e gestire i dati identificativi e i documenti ufficiali in formato elettronico. Grazie a questi portafogli i cittadini, come già detto, potranno dimostrare la propria la propria identità, ove necessario, per poter accedere ai servizi online. In ogni occasione, comunque, i soggetti interessati avranno sempre il controllo totale dei dati che condividono. L’utilizzo del portafoglio europeo di identità digitale, inoltre, sarà su base volontaria.

La piattaforma online, sempre in base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia rimarrà aperta alle osservazioni durante i negoziati legislativi. Una novità indubbiamente importante, dato che si presenta come un sistema esclusivamente digitale. Questo, infatti, vuol dire che può essere utilizzato grazie a dispositivi digitali, come ad esempio uno smartphone. Una tipologia di identificazione che si rivela essere pertanto estremamente utile, veloce e facile da utilizzare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.