Azioni Marie Skłodowska-Curie ricerca

Al via il bando a sostegno della ricerca di frontiera, così come previsto nel Programma Horizon Europe. Entriamo quindi nei dettagli e vediamo in cosa consiste.

Al via il bando a supporto della ricerca di frontiera

È stato di recente pubblicato il nuovo bando ERC Advanced Grants 2021, volto ad offrire un sostegno alla ricerca di frontiera. Tali contributi, come già detto, fanno parte delle misure previste dal Programma Horizon Europe. Il supporto è destinato a Principal Investigators dal profilo accademico eccellente, che si trovino in una fase della loro carriera in cui si rivelano essere già leader affermati nell’ambito della ricerca. Ma non solo si tratta di soggetti in grado di dimostrare un ampio e riconosciuto track record di risultati.

Entrando nei dettagli, il bando è destinato a ricercatori scientificamente indipendenti, di qualsiasi età e nazionalità, che vantino risultati di ricerca significativi negli ultimi 10 anni. Per beneficiare del contributo, quindi, i partecipanti dovranno dimostrare la natura innovativa, l’ambizione e la fattibilità della loro proposta scientifica.

Dotazione complessiva, sovvenzioni e tempistiche

Il bando, ricordiamo, presenta una dotazione complessiva di euro 626.000.000. Le attività di ricerca devono essere effettuate presso un’organizzazione di ricerca pubblica o privata avente sede in uno degli Stati membri dell’Unione Europea, in uno dei paesi associati Horizon Europe oppure presso un’organizzazione internazionale di interesse europeo. Le sovvenzioni prevista dal bando “Advanced Grants” possono arrivare fino a un massimo di 2,5 milioni di euro per un periodo di 5 anni. Ma non solo, possono andare a coprire il 100% del totale dei costi diretti ammissibili. C’è tempo fino al 31 agosto 2021 per inviare la propria candidatura.

Horizon Europe: cos’è e obiettivi

Una volta visto in cosa consiste il nuovo bando ERC Advanced Grants 2021 e gli obiettivi, ricordiamo cos’è Horizon Europe. Quest’ultimo è il Programma quadro dell’Unione europea per la ricerca e l’innovazione per il periodo 2021-2027. Dalla durata di sette, così come il bilancio a lungo termine dell’Unione Europea, presenta una dotazione finanziaria complessiva di 95,5 miliardi. Tale cifra include i 5,4 miliardi destinati al piano per la ripresa Next Generation EU.

Si tratta del più vasto programma di ricerca e innovazione transnazionale al mondo. Lo scopo è quello di finanziare attività di ricerca e innovazione. In questo modo si intende ottenere un impatto sia dal punto di vista scientifico, che tecnologico, economico e sociale. Il tutto avviene sfruttando proprio il valore aggiunto dell’Unione Europea. Ci si concentra, infatti, su obiettivi e attività che non potrebbero essere realizzati in modo efficace dai singoli stati membri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.