Eurobarometro

In base a quanto si evince da un sondaggio Eurobarometro pubblicato in data 15 giugno 2022, per i cittadini europei le priorità del 2022 sono difesa e autonomia energetica. Ecco le informazioni disponibili in merito.

Eurobarometro: quali sono le priorità fondamentali del 2022 per i cittadini europei

Come riportato sul sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, le priorità degli europei per il 2022 sono la difesa e l’autonomia energetica. Questo è quanto si evince da un sondaggio Eurobarometro. In base a quest’ultimo, appunto, i cittadini europei sostengono in massa una politica di sicurezza e di difesa comune. Ma non solo, attendono che l’Unione europea riesca a svincolarsi in modo graduale dalle fonti energetiche russe.

Entrando nei dettagli, l’81% dei cittadini dell’Unione Europea è a favore di una politica di difesa e di sicurezza comune tra gli Stati membri dell’Unione Europea. Questa, stando al sondaggio Eurobarometro, è un’opinione condivisa da almeno due terzi degli intervistati in ciascun paese. Inoltre, il 93 % dei cittadini concorda sul fatto che gli Stati membri dovrebbero agire in modo congiunto per difendere il territorio dell’Unione Europea. L’85 %, inoltre, ritiene che sia necessario potenziare la cooperazione in materia di difesa a livello dell’Unione Europea stessa.

Autonomia energetica e lotta contro i cambiamenti climatici

Sempre in base a quanto si evince dal sondaggio Eurobarometro i cittadini europei manifestano ampio sostegno agli obiettivi di RePowerEU. Entrando nei dettagli, secondo l’87 % degli intervistati l’Unione Europea dovrebbe ridurre al più presto la propria dipendenza dalle fonti energetiche russe. L’80%, inoltre, ritiene che la politica energetica può contribuire a sua vota alla difesa degli interessi strategici dell’Unione Europea.

L’86 % considera che la riduzione delle importazioni di petrolio e di gas e gli investimenti nelle energie rinnovabili possano contribuire alla sicurezza globale degli Stati membri. A sua volta l’87 % ritiene che l’aumento dell’efficienza energetica contribuirà a ridurre la nostra dipendenza dai produttori di energia situati al di fuori dell’Unione Europea.

Allo stesso tempo l’85% pensa che  la lotta contro i cambiamenti climatici possa aiutare a migliorare il proprio stato di salute e il proprio benessere e la stessa. Ma non solo, ritiene che tutto ciò possa favorire la creazione di nuove opportunità per l’innovazione, gli investimenti e l’occupazione.

A  conclusione, quindi, è possibile stabilire che in base ai risultati dell’Eurobarometro, secondo gli europei le priorità al momento sono la difesa e la sicurezza. Ma non solo, come già detto anche “rendere l’UE e i suoi Stati membri più autonomi in materia di approvvigionamento energetico”. Tra gli altri temi al centro dell’attenzione anche l’ambiente, l’economia e la disoccupazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.