traduttori

Come ben sappiamo, e ripetiamo, i giovani di oggi sono il futuro della nostra società. Proprio per questo motivo è necessario aiutarli nel loro percorso di crescita, mettendo a loro disposizione tutti gli strumenti opportuni per riuscire ad acquisire le competenze necessarie nei vari ambiti lavorativi e non solo. Diversi i programmi volti a favorire il raggiungimento di tali obiettivi. Tra questi si annovera un concorso dell’Unione Europea per giovani traduttori, che ogni anno incoraggia alcuni dei suoi partecipanti a proseguire gli studi in ambito linguistico, tanto da diventare traduttori professionisti. Ecco in cosa consiste e le tempistiche da rispettare.

Concorso UE per giovani traduttori: aperte le iscrizioni

In base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, a partire dalle ore 12 dello scorso 2 settembre 2022, le scuole secondarie di tutti gli Stati Membri dell’Unione Europea possono iscriversi a Juvenes Translatores. Quest’ultimo, ricordiamo, non è altro che il concorso annuale di traduzione della Commissione europea rivolto agli studenti di diciassette anni delle scuole secondarie superiori.

Le scuole interessate possono quindi procedere con l’iscrizione online dei propri studenti, al fine di permettere a quest’ultimi di poter competere con i coetanei degli altri paesi dell’Unione Europea. Soffermandosi sull’anno in corso, in particolare, interesserà sapere che i vari partecipanti dovranno tradurre dei testi sul tema della “Gioventù europea”.

In particolare sarà scegliere da quale a quale delle 24 lingue ufficiali dell’Unione Europea desiderano svolgere la traduzione. Gli insegnanti interessati possono quindi provvedere a compilare il relativo modulo di iscrizione in una delle 24 lingue ufficiali dell’Unione Europea. Questo, a patto, che i soggetti interessati svolgano tale operazione entro e non oltre le ore 12 del 20 ottobre 2022.

Juvenes Translatores, il concorso europeo per giovani traduttori

Entrando nei dettagli, sempre in base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, proprio la Commissione europea provvederà ad invitare 705 scuole. Quest’ultime verranno selezionate attraverso un sorteggio elettronico casuale e potranno così prendere parte alla fase successiva. Per quanto riguarda il numero delle scuole partecipanti di ciascun Paese, è bene sottolineare, fa riferimento a quello dei seggi del proprio Stato al Parlamento europeo.

A loro volta le scuole selezionate potranno scegliere fino a massimo cinque studenti. Quest’ultimi possono essere di qualsiasi nazionalità, purché nati nel 2005. Il concorso in questione, viene ricordato, avrà luogo il 24 novembre 2022 in tutte le scuole che vi parteciperanno. I vincitori verranno in seguito annunciati a febbraio del 2023. La premiazione, invece, avrà luogo nella primavera del prossimo anno, nel corso di una cerimonia a Bruxelles.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.