agricoltura PAC

In un periodo storico difficile come quello attuale, segnato dall’influenza negativa del Covid sull’economia e dall’aumento dei prezzi, sono davvero tante, purtroppo, le aziende alle prese con una difficile gestione del bilancio. In tale contesto, pertanto, a ricoprire un ruolo importante sono le varie amministrazioni, sia a livello locale che nazionale ed internazionale. Proprio quest’ultime, infatti, prendono tutta una serie di decisioni volte a favorire il rilancio dell’economia.  Ebbene, a tal proposito interesserà sapere che la Commissione Europea ha di recente approvato nuove specialità tradizionali garantite italiane. Ecco di quali si tratta.

Agricoltura, approvate nuove specialità tradizionali garantite italiane

In base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, la Commissione ha di recente approvato l’inserimento di una specialità italiana, ovvero i “Vincisgrassi alla maceratese” nel registro delle specialità tradizionali garantite, ovvero STG. Entrando nei dettagli ricordiamo che con il termine “Vincisgrassi alla maceratese” si fa riferimento alla pasta al forno preparata principalmente nella provincia di Macerata da ben oltre 80 anni. Una ricetta oggetto di rielaborazioni e tramandata attraverso la tradizione orale.

Sempre in base a quanto riportato sul sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, la preparazione di tale piatto avviene utilizzando pasta fresca all’uovo. Ma non solo, un sugo a base di frattaglie e besciamella. A tutto questo si aggiunge il formaggio grattugiato. Quest’ultimo può essere “Parmigiano Reggiano DOP” oppure”Grana Padano”. In grado di distinguersi per via dell’utilizzo di ingredienti tipici della tradizione regionale, i “Vincisgrassi alla maceratese” sono stati aggiunti all’elenco di 1 577 prodotti agricoli già protetti inseriti nella banca dati eAmbrosia.  Quest’ultima, interesserà sapere, è il registro legale dei nomi di prodotti agricoli e alimentari, vini e bevande registrati e protetti in tutta l’Unione Europea.

Obiettivi dei regimi di qualità dell’Unione Europea

Ma come funziona i regimi di qualità dell’Unione Europea. Ebbene, a tal proposito bisogna innanzitutto sottolineare che la politica di qualità dell’UE vuole proteggere le denominazioni di prodotti specifici. Questo al fine di promuoverne le caratteristiche uniche legate all’origine geografica e alle competenze tradizionali. Entrando nei dettagli con il termine Specialità tradizionale garantita, ovvero STG, si fa riferimento ad aspetti tradizionali.

Ad esempio al modo in cui il prodotto viene ottenuto o la sua composizione. Anche senza essere collegata a una zona geografica specifica. Un prodotto registrato come STG serve a proteggere il nome  in questione da possibili falsificazioni e abusi. Un obiettivo indubbiamente importante, grazie al quale si intende proteggere, appunto, le denominazioni di specifici prodotti, tra cui quelli italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.