agricoltura

In un periodo storico particolarmente complicato come quello attuale, segnato dall’influenza negativa del Covid sull’economia e dall’aumento dei prezzi, sono davvero molte, purtroppo, le aziende alle prese con una difficile gestione del bilancio. In tale contesto, pertanto, a ricoprire un ruolo importante sono le varie amministrazioni, sia a livello locale che nazionale ed internazionale. Proprio quest’ultime, infatti, prendono tutta una serie di decisioni volte a favorire il rilancio dell’economia.  Ebbene, a tal proposito interesserà sapere che la Commissione Europea ha di recente fornito consulenza sul riutilizzo dell’acqua in agricoltura.

Commissione UE fornisce consulenza sul riutilizzo dell’acqua in agricoltura

In base a quanto si evince dal sito della Rappresentanza della Commissione Europea in Italia, la Commissione Europea ha pubblicato in data 3 agosto 2022 gli orientamenti. Quest’ultimi volti ad aiutare le autorità nazionali e le imprese competenti ad applicare le norme dell’Unione Europea sul riutilizzo sicuro delle acque reflue urbane trattate per l’irrigazione agricola.

In un’Europa segnata dalla scarsità idrica, quindi, l’acqua riutilizzata ha sempre una maggiore importanza in qualità di fonte idrica sicura e prevedibile, quale mezzo per ridurre la pressione sui corpi idrici e aiutare l’Unione Europea ad adattarsi ai cambiamenti climatici.

Ma non solo, il  regolamento sul riutilizzo dell’acqua, applicabile dal giugno 2023, stabilisce prescrizioni minime in materia di qualità, gestione dei rischi e monitoraggio delle acqua. Questo sempre al fine che il riutilizzo dell’acqua sia sicuro.

Soffermandosi sul  riutilizzo dell’acqua, ricordiamo, contribuisce a limitare la pressione sulle acque superficiali e sotterranee e a promuovere una gestione idrica più efficiente. Il tutto in linea con gli obiettivi del Green Deal europeo.

Le dichiarazioni di Virginijus Sinkevičius, Commissario responsabile per l’Ambiente, gli oceani e la pesca

Sull’argomento è intervenuto Virginijus Sinkevičius. A tal proposito il Commissario responsabile per l’Ambiente, gli oceani e la pesca, ha affermato: “Le risorse di acqua dolce sono scarse e sottoposte a una crescente pressione”.

Per poi aggiungere: “In tempi di picchi di temperatura senza precedenti  dobbiamo smettere di sprecare acqua e dobbiamo utilizzare questa risorsa in modo più efficiente per adattarci ai cambiamenti climatici e garantire la sicurezza e la sostenibilità del nostro approvvigionamento agricolo. Gli orientamenti odierni possono aiutarci a farlo e aiutarci a garantire la circolazione sicura, in tutta l’UE, dei prodotti alimentari coltivati con acque depurate”.

A tal proposito ricordiamo che la proposta della Commissione di rivedere la direttiva sul trattamento delle acque reflue urbane, intende a sua volta facilitare il riutilizzo dell’acqua. Non resta quindi che vedere quali decisioni verranno prese in futuro in tale ambito, in modo tale da promuovere e favorire, come già detto, una gestione idrica più efficiente, sia in ambito urbano che per quanto riguarda l’agricoltura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.