biodiversità

Il Covid ha purtroppo avuto un impatto negativo sull’economia, sia a livello nazionale che mondiale. Una chiara dimostrazione di come quello che accade in un posto possa avere in poco tempo delle ripercussioni anche in un altro Paese. La globalizzazione, d’altronde, è ormai una concreta realtà e proprio per questo motivo si rivela necessario l’attuazione di misure che permettano di dare una spinta all’economia, tenendo conto delle necessità dei vari Paesi. Lo sanno bene gli addetti al settore del turismo, che sono stati tra i più colpiti dall’impatto delle restrizioni volte a contrastare la diffusione del virus. Proprio in tale ambito si inserisce un nuovo bando della Commissione Europa, con contributi a sostegno delle PMI per la ripresa sostenibile del settore turistico.

Bando a sostegno delle PMI per la ripresa del settore turistico

In base a quanto si evince dal sito dell’Ansa, la Commissione Europea, nell’ambito del Single Market Programme (SPM – COSME), ha dato il via ad un bando con contributi volti a sostenere le piccole e media imprese per la ripresa del settore turistico. I soggetti interessati avranno tempo fino al 16 febbraio 2022 per presentare la propria proposta. Per quanto riguarda la dotazione finanziaria, invece, ricordiamo che è pari a 12.420.000 euro.

Una misura indubbiamente importante, che dimostra la volontà dell’Unione Europea di accelerare la transizione verde e digitale. Il tutto partendo da alcuni dati della situazione attuale che parlano chiaro. Ovvero che solo un quarto circa delle piccole e medie imprese europee offre prodotti o servizi verdi. Le piccole e medie imprese, pertanto, si ritrovano a dover affrontare una nuova importante sfida. Ma di quale si tratta? Ebbene, quella inerente il passaggio a pratiche commerciali più sostenibili, rendendo le imprese consapevoli, consentendo allo stesso tempo lo sviluppo d’innovazioni sostenibili. Tale percorso si rivela essere ancora più arduo per via delle complicate procedure amministrative e legali.

Single Market Programme: obiettivi

Entrando nei dettagli ricordiamo che Single Market Programme intende rafforzare la governance del mercato unico dell’Unione Europea A tal fine, come si evince dal sito della Commissione Europea, intende aiutare a far funzionare meglio il mercato interno. Questo attraverso misure che comprendono una migliore sorveglianza del mercato. Ma non solo, intende rafforzare la competitività delle imprese, in particolare le piccole e medie imprese. Tra gli altri obiettivi si annoverano lo sviluppo di standard europei efficaci e standard internazionali di rendicontazione e revisione finanziaria e non finanziaria, ma soprattutto garantire maggior protezione e sicurezza ai consumatori. Per questo sarà importante prestare particolare attenzione alla qualità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.