agricoltura

L’agricoltura si rivela essere, senz’ombra di dubbio, uno dei settori più importanti, sia per quanto riguarda l’aspetto sociale che economico. Lo sa bene la Commissione Europea che  ha deciso, nel corso degli ultimi anni, di dare il via a tutta una serie di iniziative a sostegno di queste attività. In particolar modo intende favorire un’agricoltura che risulti sempre più sostenibile. Proprio in tale ambito bisogna sapere che lo scorso 30 giugno 2021 la Commissione Europea ha presentato una visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE. Di recente ha quindi deciso di lanciare il Patto Rurale, ecco in cosa consiste.

Visione a lungo termine per le zone rurali: lancio del patto rurale

Come si evince da un comunicato stampa pubblicato sul sito della Commissione Europea in data 20 dicembre 2021, la Commissione ha deciso di lanciare il patto rurale. Si tratta, ricordiamo, di un’iniziativa annunciata nel quadro della visione a lungo termine per le zone rurali presentata nel giugno 2021. Il nuovo patto intende chiamare le autorità pubbliche e i portatori d’interessi ad agire in funzione delle esigenze e aspirazioni delle comunità rurali. Il tutto fornendo un quadro comune volto a favorire il coinvolgimento e la collaborazione con i portatori d’interessi a livello europeo. Ma non solo anche a livello nazionale, regionale e locale.

Grazie ad una visione a lungo termine per le zone rurali dell’Unione Europea, si intendo identificare delle sfide urgenti. Il tutto mettendo in risalto alcune delle opportunità più promettenti disponibili per le varie zone oggetto di interesse. In particolare si intende rendere le zone rurali più forti, facilitando l’innovazione sociale. Ma non solo, anche connesse, al fine di contribuire a migliorare la connettività dal punto di vista dei trasporti e per quanto riguarda l’accesso digitale. Ma non solo, anche resilienti e prospere. Questo diversificando le attività economiche e migliorando il valore aggiunto delle attività agricole e agroalimentari e dell’agriturismo.

Commissione Europea e agricoltura: i prossimi passi

Sempre in base a quanto si evince dal sito della Commissione Europea, tra dicembre 2021 e giugno 2022, le parti interessate e gli attori rurali potranno aderire alla comunità del Patto rurale. Ma non solo, condividere riflessioni e idee in merito alla sua attuazione e sviluppo. Nel giugno 2022, inoltre, la conferenza di alto livello del Patto rurale consentirà di riunire tutti i contributi e stabilire le azioni da intraprendere. Il vicepresidente Šuica, il commissario Wojciechowski e il commissario Ferreira, pertanto, hanno lanciato un invito aperto per partecipare alla discussione sul patto rurale. La Commissione, infatti, intende favorire lo scambio di idee. In questo modo sarà possibile applicare le migliori pratiche possibili, a tutti i livelli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.